Logo
Stampa questa pagina

Vitamina C per l'inverno

Vitamina C per l'inverno

Ce ne è molta negli agrumi e con il freddo il nostro fisico ne richiede di più


Agrumi e vitamina C

Tutti sanno che gli agrumi sono una buona fonte di vitamina C, detta anche acido ascorbico. Essa è ampiamente distribuita nel mondo vegetale e si trova in particolare negli agrumi. Ricordiamo che è necessario un suo rifornimento continuo, poiché il nostro organismo non è capace di sintetizzarla: un esplicito invito a consumare più arance o agrumi in genere e altri frutti e verdure ricchi appunto di vitamina C! La razione giornaliera raccomandata dai nutrizionisti europei (RDA europea consigliata) è pari a circa 60 milligrammi al giorno, che vanno bene in condizioni normali; la vitamina C non utilizzata dall’organismo viene espulsa velocemente per via renale. Però durante l’inverno. Quando occorre alzare le difese immunitarie dell’organismo, se si fuma o se si vive in città molto inquinate, il suo fabbisogno aumenta. A tal proposito è utile sapere che per ottenere 60 mg di vitamina C basterebbe consumare una piccola arancia che pesi da sbucciata 120 grammi, mentre per arrivare a 100 milligrammi ne serve una che pesi almeno 200 grammi. Ma la questione non è così semplice come sembra: il contenuto di vitamina C, infatti, varia a seconda delle stagioni, del terreno, dei sistemi di coltivazione e del tipo di arancia. Secondo uno studio l’arancia che contiene più vitamina C è il tipo Tarocco.

Vitamina delicata

La vitamina C si riduce drasticamente con il calore, per cui i cavoli che ne contengono molta, da cotti tendono a perderla quasi del tutto. È anche tempolabile, ovvero spremute lasciate a lungo in frigorifero tendono a perdere il loro contenuto vitaminico, come pure la frutta che arriva da lontano. Facile ora dare consigli: acquistate frutta e verdura di stagione, scegliete quella coltivata in Italia, bevete subito la vostra spremuta appena fatta.

Proprietà certe

A proposito di proprietà nutrizionali della vitamina C ricordiamo che essa è attiva nella produzione di anticorpi e rafforza la resistenza dell’organismo; è un ottimo antiossidante (combatte i radicali liberi); entra nei processi di sintesi del collagene (fa bene alla pelle); entra nei processi di produzione dell’energia; previene l’accumulo di istamina (azione antiallergica); favorisce l’assorbimento del ferro e di altri minerali (quali zinco, calcio, magnesio); protegge dall’inquinamento e da molte sostanze tossiche (come la nicotina)... tanti buoni motivi per consumare più agrumi, per questo vi proponiamo una serie di ricette per andare oltre la classica spremuta.

L’idea in più: Maionese agli agrumi

Per accompagnare pesci cotti al vapore oppure lessati potete preparare una maionese agli agrumi. È molto semplice e veloce: frullate un vasetto di maionese pronta con 1 cucchiaio di succo di limone, 1 di arancia e 1 di mandarino filtrati con un colino. Insaporite con un pizzico di pepe e del cerfoglio tritato (o prezzemolo), poi servite.

Ultima modifica ilMercoledì, 13 Agosto 2014 18:40

Ultimi articoli di Raffaele Palumbo

Articoli e ricette correlate

© 2005-2014 La Spiga Italia s.n.c. - P.IVA: 01900460187 - L'Altrapasta è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Voghera n. 166 del 14/04/2005